demenza senile e obbedienza autolesionista

Leyen e Borrell riscoprono la diplomazia delle cannoniere? La risposta del Global Times, 24 aprile 2023

"Pacifica" oltre che "Atlantica", l'Europa in crisi di nervi si appresta a una nuova guerra dell'oppio?
Traduzione dell'editoriale di Global Times del 24 aprile. Evidenze di Trancemedia.eu

Global Times, 24 aprile 2023

Il Parlamento europeo ha appena trascorso un’intera settimana a discutere di Cina. L’Alto rappresentante dell’UE per gli affari esteri e la politica di sicurezza Josep Borrell convoca i ministri degli Esteri di tutta l’UE il 24 aprile, per discutere dello stesso argomento. In previsione di questo incontro, il 22 aprile Borrell ha pubblicato un articolo in cui esorta l’UE ad assumere un ruolo più attivo nella questione di Taiwan e chiede che le marine europee pattuglino lo Stretto di Taiwan.

Questa dichiarazione altamente provocatoria ha immediatamente attirato molta attenzione, soprattutto alla luce del fatto che il leader sudcoreano ha fatto osservazioni altrettanto scorrette su Taiwan nello stesso periodo. Possiamo ragionevolmente supporre che la riunione dei ministri degli Esteri del G7, tenutasi in Giappone non molto tempo fa, abbia discusso la questione di Taiwan in modo coordinato e che il risultato sia stato una maggiore attuazione della volontà di Washington. Per l’Europa e la Corea del Sud, questo non è solo una triste perdita di indipendenza, ma significa anche avvicinarsi a rischi senza senso.

Borrell è stato criticato per aver intrapreso la “diplomazia delle cannoniere”, che è più una presa in giro sarcastica che una critica. Questo non solo ricorda l’infame storia coloniale, di cui alcuni europei ancora non si accorgono, ma rende ancora più ripugnante il fatto che l’Europa non riesca a rinunciare all’idea di interferire negli affari dell’Asia-Pacifico, nonostante il suo assoluto declino di potere e le sue molteplici difficoltà. Proprio come un vecchio rimbambito che non è più al passo con i tempi, se le navi da guerra europee volessero ancora oggi sfoggiare la loro potenza nel Pacifico, il risultato sarebbe solo un imbarazzante fallimento. Per l’Esercito Popolare di Liberazione, che ha una forza potente per difendere la propria patria, affrontare le navi da guerra europee che vengono per provocare e mettersi in mostra non vale nemmeno la pena di alzare un sopracciglio. Consigliamo loro di non coprirsi di vergogna.

Borrell è conosciuto come il “ministro degli Esteri” dell’Europa, ma la sua rappresentatività è discutibile. La maggior parte degli europei, soprattutto la gente comune, non capisce e non si preoccupa di Taiwan. Ciò che li preoccupa veramente è se le loro vite possono essere garantite e migliorate nel contesto del prolungato conflitto Russia-Ucraina e della difficile ripresa economica. Tuttavia, l’articolo di Borrell riflette che in Europa esiste una forza politica che divide sempre i confini ideologici e mantiene una mentalità da guerra fredda nei confronti della Cina. Indipendentemente dal fatto che dietro Borrell ci sia l’ombra degli Stati Uniti, è chiaro che questa parte della forza politica è profondamente influenzata dagli USA.

Ciò che lascia perplessi è che appena una settimana prima che Borrell facesse le sue osservazioni sulla questione di Taiwan: il 13 aprile aveva pubblicato sui social media un’emozionante recensione delle sue tre visite in Cina. Ha elogiato gli enormi risultati raggiunti dalla Cina dopo la riforma e l’apertura e ha invitato a rafforzare ulteriormente la diplomazia pubblica e gli scambi culturali tra UE e Cina e a lavorare insieme per risolvere le questioni globali. In precedenza, Borrell aveva anche affermato che l’UE non avrebbe seguito gli Stati Uniti nell’adozione di severe politiche di restrizione economica e commerciale nei confronti della Cina.

L’impressione è che Borrell abbia una personalità sdoppiata nei confronti della Cina. Questo tipo di atteggiamento contraddittorio nei confronti della Cina è piuttosto comune tra le élite europee. Nello specifico, non è complicato. Borrell vuole trarre vantaggio da entrambe le parti. Dal punto di vista dei propri interessi, l’Europa non è disposta a “sganciarsi” dalla Cina e deve cooperare con essa sulle questioni globali. Vuole mantenere gli scambi con la Cina, data l’importanza delle relazioni Cina-UE per l’Europa. D’altra parte, i politici europei rappresentati da Borrell sono stati sottoposti al lavaggio del cervello da parte di Washington sulla questione di Taiwan senza saperlo, ed è difficile smettere la dipendenza di essere docenti di diritti umani e ideologia. Borrell e quelli come lui stanno cercando di gestire questa contraddizione e di raggiungere un equilibrio, ma è più difficile che camminare su una corda tesa, ed è una missione impossibile.

Alla guida della diplomazia dell’UE, Borrell ha urgentemente bisogno di recuperare le sue conoscenze sulla questione di Taiwan e sul principio di una sola Cina. La sua ignoranza e arroganza sulla questione di Taiwan sono molto evidenti. L’anno scorso ha affermato che l’UE potrebbe essere un “moderatore” nelle crisi nello Stretto di Taiwan. All’epoca, alcuni media cinesi gli chiesero direttamente: “Borrell, chi ti credi di essere?”. Il fatto che questi politici europei pieni di superiorità non riescano a posizionarsi al posto giusto è un problema comune. In un certo senso, questa è anche una delle cause psicologiche del conflitto tra Russia e Ucraina. Ora Borrell, e quelli come lui, pensano che l’Europa non sia abbastanza immersa nel conflitto Russia-Ucraina? Vogliono ora navigare migliaia di miglia fino allo Stretto di Taiwan per confondere le acque? Stanno davvero portando l’Europa nella fossa.

Per dirla senza mezzi termini, le osservazioni di Borrell su Taiwan sono una performance politica molto classica e ipocrita, che riflette la sua ignoranza della questione di Taiwan e il suo “seguire senza cervello” Washington. L’Europa non ha motivo di sostenere se stessa per intensificare i conflitti con la Cina in questo momento. Una scelta sbagliata da parte di chiunque, compresa l’Europa, sulla questione di Taiwan è sufficiente a distruggere tutti i fattori positivi in altre aree, non solo sbilanciate ma anche fuori controllo. Questo punto, Borrell dovrebbe soppesarlo attentamente.

Leggi articolo di Global Times nell’edizione originale in lingua inglese (apre in nuova scheda)

 

Video-intervista con Ali Abunimah, giornalista palestino-americano, pubblicata sul canale youtube di CGTN il 29 aprile 2023. Lingua inglese, durata 3 min.

 

24 Aprile 2023

Suggerimenti