CURA IN VIA DI SVILUPPO

Qualcuno riconferma gli impegni sul carbonio. Chi? La Cina

Blue sky in Beijing - Photo:IC

Global Times - redazione. Pechino, 15 settembre 2022

Un articolo di Global Times del 16 settembre 2022 riporta le dichiarazioni del ministro dell’ecologia di Pechino. Eccolo in traduzione italiana.

Le promesse vanno mantenute: La Cina riafferma gli obiettivi di picco di carbonio e neutralità
– Nell’ultimo decennio la nazione ha registrato il più grande miglioramento della qualità dell’aria a livello mondiale 

Giovedì la Cina ha riaffermato la sua risoluzione di raggiungere gli obiettivi di un picco di emissioni di CO2 e della neutralità del carbonio, mentre il Ministero dell’Ecologia e dell’Ambiente ha preso atto dei risultati e dei progressi che il Paese ha compiuto nella costruzione di una “bella Cina” nell’ultimo decennio.

Il ministro Huang Runqiu ha dichiarato alla conferenza stampa di giovedì che “raggiungere il picco di emissioni di CO2 e la neutralità delle emissioni di carbonio significa affrontare i problemi ancora irrisolti delle risorse e dei vincoli ambientali e realizzare lo sviluppo sostenibile della nazione cinese. Pertanto, siamo determinati a raggiungere gli obiettivi”.

comunità con un futuro condiviso per l’umanità

Questo è anche un impegno solenne a costruire una comunità con un futuro condiviso per l’umanità, e la Cina manterrà questa promessa, ha detto Huang, ribadendo gli obiettivi della Cina di raggiungere il picco delle emissioni di CO2 prima del 2030 e la neutralità del carbonio prima del 2060.

Anche le recenti ondate di calore e la siccità che hanno colpito il Paese non comprometteranno questi obiettivi, ha dichiarato Huang.

Negli ultimi 10 anni, il “verde” è diventato sempre più uno sfondo chiaro per uno sviluppo economico e sociale di alta qualità, con l’intensità delle emissioni di carbonio della Cina che è scesa del 34,4%, invertendo la tendenza alla rapida crescita delle emissioni di anidride carbonica, ha osservato Huang durante l’incontro.

Il ministro ha affermato che la Cina ha anche adattato costantemente le sue strutture energetiche e ha ottimizzato e migliorato costantemente le strutture industriali. La quota del carbone nel consumo di energia primaria è scesa dal 68,5% al 56% lo scorso anno, mentre la quota del consumo di energia non fossile è aumentata di 6,9 punti percentuali, raggiungendo il 16,6%.

Il contributo della Cina alla promozione dello sviluppo globale a basse emissioni di carbonio è evidente a tutti. Lo sforzo della Cina nel dare impulso all’industria delle nuove energie riflette l’incrollabile determinazione del governo cinese nel raggiungere gli obiettivi di carbon peaking e carbon neutrality, ha dichiarato giovedì al Global Times Lin Boqiang, direttore del China Center for Energy Economics Research dell’Università di Xiamen.

in netto contrasto con l’atteggiamento di alcuni Paesi europei

La Cina si sta dirigendo verso l’obiettivo della neutralità del carbonio in modo costante. Ciò è in netto contrasto con l’atteggiamento di alcuni Paesi europei che hanno scelto di fare marcia indietro rispetto ai loro obiettivi climatici, essendo già tornati o pianificando di tornare al carbone per la produzione di elettricità, dopo aver sentito il peso di una crisi energetica.

Il ritorno al carbone da parte dei Paesi occidentali, oltre alla riluttanza dei Paesi ricchi a intraprendere azioni concrete per aiutare i Paesi più poveri, getterà una grande ombra sull’imminente vertice sul clima delle Nazioni Unite COP27 che si terrà in Egitto nel novembre di quest’anno, ha osservato Lin.

Gli osservatori hanno affermato che affrontare il cambiamento climatico è la questione più importante per i prossimi 40 anni e non può essere fatto senza uno sforzo globale, invitando alcuni Paesi occidentali a rafforzare la cooperazione nell’industria delle nuove energie e a smettere di porre limiti ai prodotti cinesi delle nuove energie.

Riassumendo i risultati ottenuti dalla Cina in materia di cambiamenti climatici, Huang ha affermato che nell’ultimo decennio il Paese ha assistito all’ottimizzazione delle normative e della supervisione in materia di protezione ambientale, cercando inoltre un percorso di sviluppo verde di alta qualità e impegnandosi a fondo nella governance globale della biodiversità.

Ad esempio, il Comitato permanente del Congresso nazionale del popolo ha emendato 25 leggi relative all’ambiente, che riguardano l’inquinamento dell’aria, dell’acqua, del suolo, dei rifiuti solidi e del rumore, nonché la protezione del fiume Yangtze, delle zone umide e della terra nera.

Con più di 30 leggi sull’ambiente, la Cina ha formato un sistema giuridico in grado di proteggere l’ambiente in modo completo, efficace e rigoroso.

PM2,5 da 46 microgrammi nel 2015 a 33 microgrammi nel 2020 e a 30 microgrammi l’anno scorso

Per quanto riguarda la qualità dell’aria, Huang ha dichiarato che la concentrazione media nazionale di PM2,5 è scesa da 46 microgrammi per metro cubo nel 2015 a 33 microgrammi per metro cubo nel 2020 e ulteriormente a 30 microgrammi per metro cubo lo scorso anno.

Inoltre, i giorni con una buona qualità dell’aria hanno rappresentato l’87,5% del 2021, con un aumento di 6,3 punti percentuali rispetto al 2015, rendendo la Cina la nazione con il maggior miglioramento della qualità dell’aria a livello mondiale, secondo il ministro.

Huang ha detto che Pechino è un esempio del successo della Cina nel migliorare la qualità dell’aria negli ultimi anni, citando le statistiche secondo cui il numero di giorni di forte inquinamento a Pechino è sceso da 58 nel 2013 a otto nel 2021, e nel 2022 ci sono solo due giorni di forte inquinamento in città.

“Il cielo blu non è più un lusso per la città”, ha dichiarato.

 

V. testo originale dal sito di Global Times (link apre in nuova scheda)

16 Settembre 2022

Suggerimenti