La Cina raggruppa competenze per il quadro generale di governance AI in vista del vertice in UK

Una delegazione guidata da un alto funzionario del Ministero della Scienza e della Tecnologia parteciperà da mercoledì a giovedì al primo vertice globale sulla sicurezza dell’intelligenza artificiale ospitato nel Regno Unito, dove introdurrà l’importanza della Global AI Governance Initiative lanciata dalla Cina durante il Terzo Forum Belt and Road (BRI-Vie della Seta) per la Cooperazione Internazionale, in ottobre.

Gli analisti cinesi hanno affermato che il vertice non è solo un evento su questioni scientifiche e tecnologiche all’avanguardia, ma ha anche un forte significato politico in quanto comprenderà l’allocazione degli interessi e la modalità normativa. Senza la partecipazione della Cina, paese leader nel campo dell’AI che si trova sulla stessa linea di partenza degli Stati Uniti, il vertice sarebbe incompleto. Gli Stati Uniti hanno bisogno di cooperare con la Cina invece di contenere e rallentare lo sviluppo della Cina in questo campo.

Wu Zhaohui, vice ministro della scienza e della tecnologia, guida la delegazione al vertice sulla sicurezza dell’AI che si terrà a Bletchley Park in UK l’1 e 2 novembre 2023. Al momento, la tecnologia dell’AI si sta sviluppando rapidamente e opportunità e sfide coesistono, ha riferito mercoledì la China Central Television (CCTV).

Il presidente cinese Xi Jinping ha annunciato alla cerimonia di apertura del terzo forum BRI che Cina proporrà la “Global Artificial Intelligence Governance Initiative”. L’iniziativa elabora sistematicamente il piano cinese per la governance dell’AI attorno ai tre aspetti di sviluppo, sicurezza e governance dell’AI. Secondo quanto riportato da CCTV, la Cina presenterà la connotazione e il significato della sua Iniziativa a tutti i partecipanti nel corso del vertice sulla sicurezza dell’AI in UK.

Allo stesso tempo, in quanto membro del mondo in via di sviluppo, la Cina è disposta a rafforzare gli scambi e la comunicazione con tutte le parti che partecipano all’incontro sulle questioni relative alla sicurezza dell’AI, a riflettere le preoccupazioni comuni del Sud globale riguardo alle tecnologie emergenti, e a condividere competenze per promuovere la formazione di un meccanismo internazionale con partecipazione universale e quadro di governance con ampio consenso. Sottolineerà inoltre la necessità di promuovere la tecnologia dell’AI per apportare maggiori benefici all’umanità, promuovere lo sviluppo sostenibile globale e costruire congiuntamente una comunità di futuro condiviso per l’umanità.

Primo vertice sulla sicurezza dell’AI
Secondo Reuters, mercoledì la Gran Bretagna riceverà governi, accademie e società che lavorano all’avanguardia dell’AI in occasione del vertice inaugurale sulla sicurezza dell’AI per discutere come, e anche se, i rischi della tecnologia possano essere contenuti.

Secondo il rapporto, l’incontro nasce da un’idea del primo ministro britannico Rishi Sunak, che vuole ritagliare un ruolo per il Regno Unito come intermediario tra i blocchi economici di Stati Uniti, Cina e Unione Europea.

La decisione dell’amministrazione Sunak di invitare la Cina ha suscitato una certa pressione da parte di alcuni politici conservatori come l’ex primo ministro Liz Truss, ha riferito Politico il 26 ottobre, con gli analisti che affermano che alcuni politici britannici miopi e prevenuti non possono negare i vantaggi della Cina in questo settore, e che i veri decisori politici capiranno che ogni incontro per normare tecnologia di avanguardia sarebbe invalido e incompleto senza la partecipazione della Cina.

Ma Jihua, un veterano telecom, ha dichiarato mercoledì al Global Times che il vertice non sarebbe all’altezza del nome di vertice globale senza la presenza della Cina. Dato che la Cina è un paese leader nello sviluppo e nella governance AI, se non fosse stata invitata, le regole e i documenti prodotti non sarebbero stati rappresentativi. “È necessario che UK inviti la Cina per renderlo un evento veramente globale”, ha detto Ma.

Yin Zhiguang, professore alla School of International Relations and Public Affairs dell’Università di Fudan, ha dichiarato mercoledì al Global Times che Sunak, grazie al suo background formativo presso la Stanford Graduate School of Business, ha un profondo rapporto con le élite della Silicon Valley, quindi è un primo ministro interessato alla tecnologia d’avanguardia. Questo è il motivo per cui vuole far brillare la sua reputazione ospitando un vertice di questo tipo e usarlo per vincere le prossime elezioni generali.

Anche gli USA stanno cercando di ripristinare la comunicazione e persino la cooperazione con la Cina, quindi in questo momento ci sarà meno opposizione di falchi anti-cinesi in Occidente al fatto che UK inviti anche Pechino. Ciò consentirà al vertice di essere più inclusivo e rappresentativo, hanno affermato gli esperti.

Mercoledì il Financial Times ha riferito che scienziati cinesi dell’AI si sono uniti ad accademici occidentali per chiedere controlli più severi sulla tecnologia di quelli proposti da UK, USA e UE, “mentre le nazioni stabiliscono posizioni rivali in vista del vertice globale sulla sicurezza dell’AI di questa settimana.” Alcuni partecipanti accademici cinesi hanno firmato una dichiarazione in cui si avverte che l’AI avanzata porrà un “rischio esistenziale per l’umanità” nei prossimi decenni.

Ma ha detto che il vertice dovrebbe “formulare un documento guida sui rischi e sui controlli normativi”. Se i principali attori, tra cui Cina, USA e UE, riuscissero a raggiungere un consenso, ciò sarebbe di grande importanza per il futuro sviluppo dell’AI, ha affermato Ma.

Li Haidong, professore alla China Foreign Affairs University, ha dichiarato mercoledì al Global Times che “la Cina deve partecipare attivamente al vertice e al processo di regolamentazione per l’uso dell’AI, non solo per giocare come una grande potenza avvantaggiata, ma anche per svolgere un ruolo a favore del Sud globale di fronte all’Ovest”.

Yin ha ribadito che la Cina deve partecipare al processo di creazione di norme internazionali per l’utilizzo dell’AI e che ciò è assolutamente necessario.

Confrontazione o cooperazione?
Essendo due grandi potenze con una posizione guida nel campo dell’AI, Cina e US devono cooperare tra loro e condividere i loro vantaggi per apportare un bene maggiore al mondo, ma sfortunatamente Washington sta cercando di sfruttare i suoi vantaggi per contenere la Cina e rallentarne lo sviluppo, dicono gli analisti.

Ma ha affermato che il vertice sulla sicurezza dell’AI in UK potrebbe fornire una piattaforma alla comunità imprenditoriale cinese per una cooperazione vantaggiosa per tutti mentre gli Stati Uniti tendono a soffocare lo sviluppo della Cina nel settore dei chip di AI per rallentarne il progresso.

Reuters ha riferito il 24 ottobre che il progettista di chip Nvidia ha affermato che nuovi limiti statunitensi alle esportazioni e alla vendita dei suoi chip AI di alta gamma verso la Cina sono entrati in vigore il 23 ottobre poiché “i regolatori hanno anticipato la scadenza”. Si riteneva che le restrizioni sarebbero iniziate 30 giorni dopo il 17 ottobre, quando l’amministrazione Biden ha svelato le misure per impedire a paesi, tra cui Cina, Iran e Russia, di ricevere chip AI avanzati progettati da Nvidia e altri.

Nvidia non si aspetta un impatto a breve termine sui suoi utili da questa mossa, ha rivelato in una nota del 24 ottobre, ma non ha spiegato perché il governo US abbia accelerato i tempi, si legge nel rapporto.

“Crediamo davvero che avremo molte opportunità in Cina, continuando a distribuire i nostri prodotti lì su larga scala, anche se rispettiamo e lavoriamo con BIS”, ha affermato il CEO di Intel Pat Gelsinger in una audizione sugli utili, riferendosi all’Ufficio del Bureau of Industry and Security del Dipartimento del Commercio US, ha riferito Nikkei Asia il 27 ottobre.

Attualmente, Cina e US sono sulla stessa linea di partenza nel campo dell’AI. Gli Stati Uniti vanno meglio nella ricerca e nello sviluppo tecnologico, e la Cina ha più applicazioni pratiche. Cina e US hanno un rapporto competitivo paritario e ciascuno ha i suoi propri vantaggi e possono cooperare e svilupparsi ulteriormente”, ha osservato Ma.

Il vertice aiuterà a trasmettere la prospettiva di una cooperazione vantaggiosa per tutti, e si prevede che alcune voci del mondo imprenditoriale e industriale avranno un impatto positivo sulla formulazione della politica statunitense, ha affermato Ma.

 

Traduzione ed evidenze grafiche a cura di Trancemedia.eu
Testo originale in inglese (apre in nuova scheda dal sito Global Times)

 

Wu Zhaohui, viceministro cinese della Scienza e Tecnologia, il 1° novembre 2023 a Bletchley Park (UK), interviene al summit sulla sicurezza AI. Accanto a lui, si riconoscono la Segretario US del Commercio Gina Raimondo (sin.) e la Segretario UK di Scienza Innovazione e Tecnologia Michelle Donelan. Foto Xinhua

Trancemedia.eu – LA TRANCE DI RITORNO ALLA REALTÀ
sperimenta contenuti transmedia di realtà,
ricerca nuovi approcci editoriali e culturali nel secolo
che vede crollare i paradigmi della modernità passata.
Ambiente, territori, energia, democrazia, debito,
con le relative collisioni, sono temi ricorrenti
della nostra attività editoriale partecipata online.


© Copyright 2015-2024 by Fert Rights srl. Tutti i diritti riservati. CCIAA Torino 08184530015